Venerdì 31 gennaio la presentazione del libro “Coppi l’ultimo mistero”

Published on 29 January 2020 • Cultura Piazza Castello, 14058 Monastero Bormida AT, Italia

Ancora oggi, a distanza di tanti anni, la fine del Campionissimo Fausto Coppi resta avvolta nel mistero. La malaria, contratta durante un viaggio in Africa, se lo portò via prematuramente, ma molti sono particolari dubbi su quella vicenda. A chiarire almeno alcuni degli aspetti di questa storia che sembra romanzo e invece fu tragica realtà ci ha pensato il monasterese Adriano Laiolo, che di Coppi fu amico e che lo seguì proprio in quel tour africano. Coadiuvato dalla celebre penna di Paolo Viberti, storica firma di Tuttosport, Laiolo ha ricordato in un libro-intervista episodi che ci restituiscono una realtà diversa da quella conosciuta, con particolari assolutamente inediti. Coppi si rifiutò di prendere il chinino quando era in Africa, pur sapendo di rischiare il contagio? Si sarebbe salvato, se Giulia fosse andata con lui? Quali furono i rapporti con la famiglia di Geminiani? E quando Raphaél Geminiani seppe del contagio? Adriano Laiolo racconta come contrasse la malaria in Alto Volta e spiega come lui e Geminiani riuscirono a salvarsi. E in un’intervista rilasciata pochi giorni prima di morire, Coppi afferma che nel 1960 avrebbe voluto correre ancora il Giro delle Fiandre, la Parigi-Roubaix e il Giro d’Italia, prima di diventare produttore di mountain bike con 40 anni d’anticipo sul resto del mondo…

Di questo e di molto altro si parlerà Venerdì 31 gennaio alle ore 20,30 presso il salone “Ciriotti” del castello medioevale di Monastero Bormida, durante la presentazione appunto del libro “Coppi l’ultimo mistero”, alla presenza dei due coautori che si alterneranno nella narrazione di quegli eventi rianalizzati dal loro particolare punto di vista.

L’iniziativa si inserisce nell’ambito di una serie di presentazioni di libri e “incontri con l’autore” promossi dalla Biblioteca Civica “Franco e Carolina Franzetti” di Monastero Bormida, a cadenza mensile (il prossimo appuntamento sarà il 15 febbraio con il grande giornalista Domenico Quirico, rapito e poi liberato dai terroristi islamici in Siria), con l’intento di far “vivere” la biblioteca non solo come il luogo del prestito dei libri, ma come un luogo vivace, culturalmente attivo, propositivo, dinamico, che favorisce la conoscenza, la cultura, lo scambio delle opinioni.

Al termine, un brindisi finale per concludere in bellezza una serata all’insegna della cultura, della lettura e del libro.

Info: Biblioteca Civica – 0144/88012 – 328/0410869 – 333/7357871


PAOLO VIBERTI torinese, classe 1956, 35 anni a Tuttosport, un palmarès visivo ed emotivo di nove Olimpiadi, 30 Giri d’Italia, 17 Tour de France, innumerevoli Mondiali o Europei di ciclismo, basket, sci, fondo, slittino, baseball… Innamorato della bici, ha scalato da solo tutte le vette di Giro e Tour. Ha scritto quattro libri per la Sei: L’Ultimo Avversario, Coppi Segreto, Storia delle Olimpiadi e Storia delle Olimpiadi invernali; quindi un romanzo psicologico dal titolo L’inconscio di Coppi, per Bradipolibri.

ADRIANO LAIOLO nasce a Genova nel 1938 e vive a Monastero Bormida (Asti). Si è occupato di sport collaborando con federazioni nazionali e internazionali, assumendo incarichi d’arbitraggio, jury e delegato tecnico in campionati sportivi mondiali e olimpici. È stato un amico sincero di Fausto Coppi e dietro richiesta di quest’ultimo ha partecipato all’ultima trasferta del Campionissimo in Alto Volta nel 1959. Ha raccolto le emozioni di una vita nel libro Racconti d’armonia, Elledi edizioni.

Locandina
Attachment format jpg
Download