"Troppe arie" in scena al Castello di Monastero Bormida

Published on 15 July 2020 • Cultura

La programmazione culturale estiva di Monastero Bormida, pur con i necessari ridimensionamenti dovuti dalla emergenza sanitaria, prevede un interessante cartellone che propone, nella splendida cornice della corte del castello medioevale, una serie di appuntamenti musicali, teatrali ed espositivi.

La musica operistica e la lirica, sia pure rivisitate in termini moderni e giocosi, sono le protagoniste delle prime due serate. Dopo la rassegna lirica “Opera Meravigliosa” di sabato 25 luglio, ecco “Troppe Arie”, che domenica 26 luglio, alle ore 21,15, vedrà sul palcoscenico il Trio Trioche, composte da Franca Pampaloni, Nicanor Cancellieri e dalla soprano monasterese Irene Geninatti.

“Troppe Arie” è la storia di vecchia Zia, dal glorioso passato nella musica, gira i palchi dei teatri di tutto il mondo in coppia con il Nipote, talento in erba. Quindi è un duo?
No, perché c’è anche Norma, la giovane Badante della vecchia zia, che li travolge con la sua passione per la lirica costringendoli ad abbandonare il repertorio classico.

Le arie d’opera più famose vengono interpretate in modo bizzarro e divertente, accompagnate dal pianoforte, dal flauto e dai mille oggetti bizzarri che Norma riuscirà a suonare.

Tra musica classica e virtuosismi, gioco di ritmi e gags, Troppe Arie incanta senza l’ausilio della parola, attraverso la musica ed i gesti, interagendo con il pubblico per mezzo di un codice universalmente riconoscibile dove le più belle arie d’opera e i brani più conosciuti della musica classica vengono interpretate, riarrangiate e dissacrate in maniera assolutamente originale.

L’opera nasce da un’idea di Rita Pelusio, che ne cura la regia e con Luca Domenicali è l’autrice dei testi, ed è prodotta da PEM Habitat Teatrali e Trio Trioche.

L’accesso allo spettacolo – con biglietto di ingresso di € 10,00 – avviene a partire dalle ore 21,00 per un massimo di 100 spettatori in modo da poter mantenere le adeguate distanze di sicurezza. E’ consigliabile la prenotazione (info@comunemonastero.at.it, 014488012 – 3280410869), ma sono venduti biglietti anche per chi non prenota fino ad esaurimento dei posti disponibili.